La palude

Mi agito e non affondo
il colpo risolutore.
Cammino sui sassi,
gli ostacoli invisibili
son ritti nella nebbia
crescono o son fermi,
mentre arranca ogni mio passo?
Li affronto,
li scanso.
Son teso contro vento
e vado poco avanti,
almeno così mi pare.
O son già verso la fine
di queste sabbie mobili?
Ma è notte
e non vedo oltre il fosso
oltre il quale il passo scivola
rapidissimo in discesa
per scrollarmi via di dosso
questa pelle
vecchia e pesa.
Non lo so,
l’ho detto:
è notte.
Pensieri inutili,
sono solo me stesso:
la direzione è una sola
e poi vedremo la sorpresa.

2 pensieri su “La palude

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...