Figlio mio

Figlio mio,
fai il meglio che puoi,
certo.

 

Poi però guardati indietro
e quella è la tua storia.

 

Per sempre immutabile,
pregna della resina della realtà,
intrisa dell’amore del destino.

 

Tu sei forte,
ma quella cosa è più forte di te.

 

Allora è inutile che tu combatta:
preserva le forze.

 

Puoi solo contemplare.
Ammirare la sua bellezza,
la sua perfezione fatta di imperfezione.

 

Puoi cambiare il futuro.

 

Il passato è già essere
come il tronco di quella quercia.

 

Non te l’aspettavi di essere dove sei ora;
restare piacevolmente sorpreso,
ammirare lo straordinario regista
sempre capace di sorprenderti
nel film della tua vita.

 

Sei grande per ciò che puoi ancora fare
ma sei piccolo quando il film è girato.

 

Attore non protagonista,
contempla lo scorrere del fiume,
godi del suo canto,
stringi la mano alla vita,
poi abbracciala
e lasciati addormentare.

 

Domattina ti sveglierai,
eroico guerriero,
attore protagonista
di un film di cui sei il regista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...