La palude

Il cavaliere avanza nella palude densa da solo,
avanza e non sa bene dove
e un altro piede affonda mentre piove.

E lento il mondo gira intorno
e lento il mondo gira dentro,
sono triste o contento
di seguire la mia via,
ed è sempre un nuovo tempo
che si vive e cosi sia.

Ma perdo ancora un riferimento
ed è dura mamma mia,
sono fragile o son forte
qui di fronte alla mia sorte,
sono intrepido o vigliacco
mentre porto questo sacco
di ricordi e ammonimenti.

Sole tu che sei nascosto,
sole tu che credo che mi senti
squarcia adesso la foschia
e rimettimi sulla via
che conduce fino al bosco
e di lì alla prateria
del leggero novello giorno
misterioso ma con gusto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...