Caos

Cuore o droghe,
chi di voi mi spinge oltre i miei limiti,
chi di voi mi fa perdere il controllo
e mi spinge quasi al punto del crollo
sfidando la mia forza.

Ho una scorza dura
e non mi fa paura andare oltre
scendendo nel fiume
e c’è una coltre di nebbia
che nasconde ciò che mi spinge.

Sono sabbia
che scivola mite,
sono partite le mie decisioni di prima,
e il tempo si mangia vorace l’agenda.

Qualsiasi programma fa rima con panna
montata,
mangiata
dal nuovo imprevisto
che è un sabotatore, l’ho visto!

Ma non mi ribello,
e forse c’è un bello
nel caos più completo.

Va bene: non discuto,
mi attengo al progetto.

O forse mi sbaglio
e non sono protetto
da una mancanza di petto,
di testa e di braccio,
e taccio e nascondo che vado verso il fondo.

Non fluttuo,
mi illudo,
affondo nel crudo
fondale melmoso
del son generoso,
al punto di perdermi
e avanzare alla cieca.

Non serve una mèta per questo discorso.

Non voglio risposte:
va bene anche il forse
per un giorno fluttuante
nel caos avvolgente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...