E’ così che voglio stare

Il seguace segue e tace,
obbedisce e poi pulisce
la statua d’oro di un altro uomo
che non obbediva, non venerava,
era libero perché stava
nella strada di sè stesso
con le idee di uno straniero,
e lo sguardo da guerrigliero
fiero e intrepido,
senza tema di sbagliare per davvero.

E’ così che voglio stare
sulla polena della mia nave,
coi capelli a tutti i venti
e il mio sguardo nel mio sole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...